Home page
Home | Newsletter | Link | Info e contatti | Mappa del sito | Crediti
English version
Associazione Culturale Tonino Guerra Tonino Guerra Attività dell'Associazione Culturale Tonino Guerra  I musei di Tonino Guerra Gli eventi dell'Associazione Culturale Tonino Guerra Comunicati e rassegna stampa
       
       › Home Tonino Guerra Filmografia Lo sguardo di Ulisse  
 
  Immagine non disponibile   Lo sguardo di Ulisse

Anno
1995

Titolo originale
To vlemma tou Odyssea

Altri titoli
Le regard d'Ulysse

Durata
186

Origine
Francia, Germania, Grecia, Italia

Colore
C

Genere
Drammatico

Produzione
Anghelopulos Productions, Grecia - Paradis Film, Le general d'images, Francia - Basic Cinematografica, Italia

Distribuzione
Istituto Luce (1995) - Video Club Luce

Regia
Theo Angelopoulos

Soggetto
Theo Angelopoulos

Sceneggiatura
Tonino Guerra
Petros Markaris
Theo Angelopoulos

Attori
Harvey Keitel - A.
Erland Josephson - Ivo Levi
Maia Morgenstern - le donne di A.
Thanassis Vengos - autista del taxi
Ghiorgos Michalakopoulos - Nikos
Dora Volanaki
Mania Papadimitriou

Fotografia
Yorgos Arvanitis

Musiche
Eleni Karaindrou

Montaggio
Giannis Tsitsopoulos

Scenografia
Miodrag Nikolic
Yorgos Patsas
Giorgos Patsas

Costumi
Giorgos Ziakas

Trama
A., regista di origine greca esule negli Stati Uniti, torna nella città natale, Florina, per la proiezione di uno dei suoi controversi film. In realtà è tornato per trovare alcune bobine di un documentario, girato all'inizio del secolo sui Balcani dai mitici fratelli Manakias, la cui pellicola non è stata ancora sviluppata. Sulle labili tracce di questo documento, unico di una realtà perduta per sempre, A. si dirige in taxi verso la frontiera con l'Albania, dove incontra gruppi di profughi. Prosegue il viaggio verso Skopje in Macedonia, e quindi raggiunge Monastir, dove visita il rudere incendiato del vecchio cinema dei Manakias e dove un'impiegata della cineteca lo avvisa che le bobine sono a Bucarest. Alla frontiera A. ricorda l'arresto, l'interrogatorio e la fucilazione come sovversivo di Yannakis Manakias. In Romania, A. rivive il periodo trascorso con la famiglia a Costanza; il padre che torna da Mathausen nel 1945, le perquisizioni, gli arresti, le confische. Ad ogni ricordo del passato ecco sorgere il fantasma di un amore perduto. A. è ora su una chiatta che discende il Danubio verso le Porte di ferro con a bordo un'enorme statua di Lenin. A Belgrado A. ha un incontro con Nikos, un amico giornalista, conosciuto a Parigi, che lo avvisa che le bobine sono a Sarajevo. Dopo un viaggio notturno sul fiume, giunge nella martoriata città: qui incontra Ivo Levi, il conservatore delle cineteca, che tenta di sviluppare la pellicola contenuta nelle bobine. Nella passeggiata nella nebbia per festeggiare la riuscita dell'operazione assiste allo sterminio, ad opera di un cecchino, di tutta la famiglia di Levi.

Note
Premio speciale della giuria al Festival di Cannes 1995;
Gian Maria Volontè che doveva interpretare il ruolo del conservatore della cineteca è morto all'inizio delle riprese e il film è dedicato a lui.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  Biografia
  Galleria immagini
  Opere:
  Letteratura
  Arte
  Costume
  Bibliografia
  Filmografia
  Luoghi Guerriani:
  Santarcangelo di Romagna
  Pennabilli
  Roma
  Russia
  Luoghi della poesia
  Spot tv
  Premi e riconoscimenti
  Dicono di lui:
  85 pensieri
  Pubblicazioni
  Documentari
versione stampa
Sito realizzato con la collaborazione di  
 
Associazione | Tonino Guerra | Attività | Musei | Eventi | Area stampa
© 2007 - Associazione Culturale Tonino Guerra - Via dei Fossi, 4 - 47864 Pennabilli RN - CF 92035480414