Home page
Home | Newsletter | Link | Info e contatti | Mappa del sito | Crediti
English version
Associazione Culturale Tonino Guerra Tonino Guerra Attività dell'Associazione Culturale Tonino Guerra I musei di Tonino Guerra Gli eventi dell'Associazione Culturale Tonino Guerra Comunicati e rassegna stampa
       
        Home Musei I luoghi dell'anima L'angelo coi baffi
 
  L'angelo coi baffi, Pennabilli  

Pennabilli
Chiesetta dei Caduti

Il Museo con un quadro soltanto:
L’Angelo coi baffi

L'Angelo coi baffi

C’era una volta un angelo coi baffi
che non era capace di fare niente
e invece di volare attorno al Signore
veniva giù nel Marecchia
dentro la casa di un cacciatore
che teneva gli uccelli impagliati
in piedi sul pavimento di un camerone.
E l'angelo gli buttava il granturco
per vedere se lo mangiavano.
E dai e dai
con tutti i santi che ridevano dei suoi sbagli
una mattina gli uccelli impagliati
hanno aperto le ali
e hanno preso il volo
fuori dalle finestre dentro l'aria del cielo
e cantavano come non mai.

Tonino Guerra

Dalla poesia L'Angelo coi baffi è nata l'idea di creare un quadro e poi un Museo con un quadro soltanto. E' stato definito "il più sguarnito e poetico museo del mondo". La storia contenuta nel testo ha offerto al poeta la possibilità di ambientare un'esposizione permanente assai originale e curiosa. Così è nato il primo museo, e tale è rimasto, di quella che doveva essere la serie dei Musei con un quadro soltanto. Un'attrattiva rara che secondo il pensiero del poeta permettesse di entrare nel mondo di una frase o di un racconto attraverso le immagini, prese nella loro interezza o scomposte o raccolte sui bozzetti appena accennati. Qui il tutto si struttura nell'angusta chiesuola pennese dove sono stati collocati due pannelli con la poesia, in dialetto e in italiano, la grande tela realizzata dall'artista milanese, ma romagnolo di adozione, vive nel Comune di Verucchio, Luigi Poiaghi, innumerevoli uccelli imbalsamati e un registratore che ricrea il tessuto sonoro dell'ambiente naturale dei volatili e di essi ne raccoglie il cinguettio. Il quadro è opera dell'artista milanese, ma romagnolo di adozione, vive nel Comune di Verucchio, Luigi Poiaghi, molto vicino alla poetica di Guerra, che ha collaborato con il maestro in più occasioni e qui ha ritratto un'ambientazione familiare che appartiene alle nostre case di campagna e alla memoria delle stesse. Per l'originalità dell'idea e per la bellezza di questa favola in versi, questo è uno tra gli allestimenti che più incuriosisce e attrae i visitatori.
Al viandante che entra nel minuscolo museo e ascolta il canto degli uccelli della valle viene facile affiancare l'immagine di quell'angelo coi baffi, ostinato e schernito, che realizza il suo sogno facendo prendere il volo ai poveri volatili impagliati, stimolo e testimonianza che i sogni vanno perseguiti e coccolati.

Rita Giannini

 
L'angelo coi baffi, Pennabilli
 
L'angelo coi baffi, Pennabilli
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  Il Mondo di Tonino Guerra
  Collezione:
  I mobilacci
  Le ceramiche
  I barattoli
  I Pastelli, gli Affreschi,
  i Giganti e gli Arazzi
  Gli arazzi luminosi
  Sede
  Bookshop
  I luoghi dell'anima
versione stampa
Sito realizzato con la collaborazione di  
 
Associazione | Tonino Guerra | Attività | Musei | Eventi | Area stampa
© 2007 - Associazione Culturale Tonino Guerra - Via dei Fossi, 4 - 47864 Pennabilli RN - CF 92035480414