Home page
Home | Newsletter | Link | Info e contatti | Mappa del sito | Crediti
English version
Associazione Culturale Tonino Guerra Tonino Guerra Attività dell'Associazione Culturale Tonino Guerra  I musei di Tonino Guerra Gli eventi dell'Associazione Culturale Tonino Guerra Comunicati e rassegna stampa
       
       › Home Tonino Guerra Filmografia Kaos  
 
  Immagine non disponibile   Kaos

Anno
1984

Durata
157

Origine
Italia

Colore
C

Genere
Drammatico

Tratto da
"Novelle per un anno" di Luigi Pirandello

Produzione
Film Tre, Rai Radiotelevisione Italiana, Rete Uno Tv

Distribuzione
Dac - Fonit Cetra Video, Db Video

Regia
Vittorio Taviani
Paolo Taviani

Sceneggiatura
Vittorio Taviani
Paolo Taviani
Tonino Guerra

Attori
Franco Franchi - Zì Dima
Omero Antonutti - Luigi Pirandello
Regina Bianchi - madre di Pirandello
Claudio Bigagli - Batà
Massimo Bonetti - Saro
Enzo Alessi
Maria Teresa Di Fede
Orazio Torrisi
Ciccio Ingrassia - Don Lollò
Maria Lo Sardo
Margarita Lozano
Anna Malvica - la madre di Isidora
Enrica Maria Modugno - Isidora
Laura Mollica
Matilde Piana
Carlo Cartier

Fotografia
Giuseppe Lanci

Musiche
Nicola Piovani
Ennio Morricone

Montaggio
Roberto Perpignani

Trama
Si tratta di quattro episodi del tutto diversi per tema e sviluppi, legati tra loro dal tenue filo di un volo di corvo, che muove le ali verso il cielo del Prologo.
I° Ep. L'altro figlio. Un gruppo di emigranti per l'America incontra una vedova che si ostina a fare scrivere lettere ai due figli, emigrati anch'essi e di cui mai ha più saputo nulla e vuole affidare a qualcuno un'ennesima lettera per i due, immemori o ingrati. Ma sul foglio altri hanno malignamente tradotto le sue parole di affetto in sgorbi. Uno dei presenti se ne avvede e glielo fa rilevare. A questo punto, la donna racconta che 30 anni prima un bandito la stuprò e dalla violenza le nacque un figlio buono e laborioso, ma che lei non ha mai accettato. La donna resta sola, prigioniera dei ricordi, della miseria e della sua vana speranza, barricata nel proprio rifiuto.
II° Ep. Mal di luna. Dopo il matrimonio, la giovanissima Isidora scopre che il suo Batà è un licantropo. Confidatasi con la madre, quest'ultima ed il cugino Saro si recheranno ogni notte di luna piena al casolare isolato nella campagna, per tenerle compagnia mentre Batà ululerà nella notte. Isidora aspetta con ansia l'avvenimento perché ha sempre amato Saro il quale però non accetterà le sue lusinghe perché prova pena per l'infelice cugino.
III° Ep. La giara. In una stagione ricca di olive, il ricco proprietario don Lollò si fa spedire alla masseria una giara gigantesca, che una notte misteriosamente si rompe. Zì Dima è un conciabrocche famoso che cuce e salda il recipiente, ma vi resta chiuso dentro. Di qui le furie di don Lollò che minaccia di farsi pagare la brocca una volta rotta ed il rifiuto del conciabrocche, tra le risate dei lavoranti ai quali offre allegramente da bere e da mangiare. Alla fine sarà l'arrogante don Lollò a rompere la giara liberando Zì Dima.
IV° Ep. Epilogo: colloquio con la madre. Luigi Pirandello torna alla casa natale e nel salotto "rivede" la madre che gli parla con affettuosità Tra l'uomo ormai celebre, ma amaro e chiuso e la tenera figura materna si stabilisce un colloquio e Luigi chiede alla madre di raccontargli di un famoso viaggio...

Note
Premio David di Donatello 1985 per miglior sceneggiatura (Tonino Guerra e Paolo e Vittorio Taviani) e miglior produzione (G. Giuliani De Negri).
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  Biografia
  Galleria immagini
  Opere:
  Letteratura
  Arte
  Costume
  Bibliografia
  Filmografia
  Luoghi Guerriani:
  Santarcangelo di Romagna
  Pennabilli
  Roma
  Russia
  Luoghi della poesia
  Spot tv
  Premi e riconoscimenti
  Dicono di lui:
  85 pensieri
  Pubblicazioni
  Documentari
versione stampa
Sito realizzato con la collaborazione di  
 
Associazione | Tonino Guerra | Attività | Musei | Eventi | Area stampa
© 2007 - Associazione Culturale Tonino Guerra - Via dei Fossi, 4 - 47864 Pennabilli RN - CF 92035480414