Home page
Home | Newsletter | Link | Info e contatti | Mappa del sito | Crediti
English version
Associazione Culturale Tonino Guerra Tonino Guerra Attività dell'Associazione Culturale Tonino Guerra  I musei di Tonino Guerra Gli eventi dell'Associazione Culturale Tonino Guerra Comunicati e rassegna stampa
       
        Home Tonino Guerra Dicono di lui: 85 pensieri H-M  
 
  85 e più pensieri per Tonino, Ed. Arti Grafiche della Torre   Introduzione | A-C | D-G | H-M | N-R | S-Z


Hamdamov Rustam

Artista, regista

Non capita spesso di incontrare la gente della terza generazione, che ha capacità di giocare seriamente con le cose semplici, trasformandole in cose straordinarie e noi tutti sentiamo la gioia di questa trasformazione.
Così Tonino restituisce la memoria del passato, che noi abbiamo quasi perso.
Grazie per le favole dimenticate.

Kezich Tullio

Critico cinematografico

Un poeta è la guida suprema al quale affidarsi sui sentieri dell'esistenza umana; e, ovviamente, anche su quelli dell'arte.
Non a caso Dante, che se ne intendeva, scelse Virgilio come sua guida nell'itinerario attraverso Inferno e Purgatorio; e se non ci fossero state certe regole da rispettare se lo sarebbe portato dietro (o meglio, lo avrebbe voluto davanti) nei cieli del Paradiso.
Allo stesso modo i maestri del cinema, italiano e no, hanno spesso individuato l'ideale compagno di viaggio in Tonino Guerra, il bardo di Santarcangelo che conosce il segreto di nobilitare le ispirazioni tramutandone, con un tocco qui e un tocco là, segni, umori e colori.
Sono innumerevoli le pellicole dell'ultimo mezzo secolo che recano, a volte più marcato e a volte pressoché impalpabile ma non meno prezioso, l'arricchimento della presenza di Tonino. Anche quando il suo nome non figura nei titoli.
Semplicità e raffinatezza, allegria e dolore, minimalismo e massimi problemi si fondono nella personalità di questo poeta contadino che ha dimostrato come da provinciali si può diventare cittadini del mondo.

Krjanovsky Andreij

Regista

Sei un uomo generoso.
Molto generoso.
So che decine di amici russi godono la tua ospitalità, si nutrono dei tuoi consigli professionali.
Tu come l'uomo veramente generoso, hai un pò di vergogna della tua generosità.
Prendi te stesso in giro, quando doni un pezzo di piadina all'amico russo.
Grazie Tonino

Laudadio Felice

Giornalista

Per Tonino Guerra

Se provate a chiedere in giro
a Mosca o Stoccolma,
a Roma o Berlino
o Londra o Madrid o Parigi o Pechino
se sanno chi è Guerra Tonino
la risposta sarà: chi lo sceneggiatore?
e un altro dirà: chi l'architetto?
e qualcuno sosterrà: io lo conosco fa l'urbanista
ed è il papà di un grande musicista
e uno più colto preciserà: inventa nuove città
e un altro ancora: fa la pubblicità
e c'è chi dirà: chi lo scrittore?
e anche: il famoso pittore?
Solo a Rimini risponderanno:
Tonino chi? l'amico di Fellini?
Ma se lo chiedono a me dirò:
è tutto questo sì
ma soprattutto è un poeta.
Forza Tonino. E che Guerra sia.

Lauretano Gianfranco

Poeta, critico

Tonino Guerra, per chi si occupa di letteratura contemporanea, è una figura "bibliograficamente" eterogenea. Egli vive in un periodo, un secolo, in cui i poeti sono molto attenti a costruire la propria bio-bibliografia, come all'esemplarità di questa fosse affidata la durata della loro opera. Sono così attenti agli editori con cui pubblicano, alle antologie, alle scadenze…Tonino Guerra sembra essere refrattario a questo tipo di "gestione" della propria immagine. Non credo, ad esempio, che sarebbe difficile per lui pubblicare una raccolta completa della propria opera poetica presso Mondadori, magari con uno dei volumi della "biblioteca d'Italia", quella che consacra i classici, cioè i Meridiani. C'è ben di peggio. Credo che Guerra abbia i rapporti giusti, un percorso che lo merita, un'importanza storico-letteraria innegabile ed ha già titoli, soprattutto di prosa, presso alcuni tra i maggiori editori italiani: Einaudi, Bompiani, Rusconi...
Eppure finora è come se non gli interessasse nulla.
E questo significa solamente una cosa: che il suo rapporto con la poesia non è "editoriale". La sua poesia nasce dalla terra e alla terra sembra voler ritornare.
Tutto il resto - il calcolo della critica letteraria e dell'editoria, così importanti in Italia - gli sono stati fino ad oggi estranei. Rimane misterioso e strabiliante che le sue ultime raccolte poetiche siano state pubblicate da un editore di provincia, ancorché valido, come Maggioli. Che sia perché per Guerra la poesia è nell'aria? Che è la sostanza di tutto, anche dei racconti, del cinema, dei personaggi straordinari che popolano la sua scrittura e la sua riflessione?
Sì, probabilmente sì. Guerra non ha nessuna paura di non durare, sa che la poesia è affidata a un tipo d'uomo e che durerà finché quell'uomo dura. L'uomo più vicino a se stesso, alla sua natura e alla sua aria.
Detto questo e, direi, nonostante l'autore, tutti continuiamo ad auspicare una raccolta ordinata e disponibile in tutte le librerie della sua intera produzione poetica.

Liuzzi Luciano

Presidente Cooperativa Braccianti Riminese, artigiano dell'immagine

Ho girato la Romagna per fotografare le parole,
i sogni di Tonino
e ho trovato la mia terra.

Loi Franco

Poeta

Monologo d'osteria

" Ghe passa in cör la vita e nüm la védum
dumâ ind i penser e cun la lappa,
ché dré del cü ghe l'èm, e pö la pìssum
' me l'umbra che dré nüm par che la tappa.
Sèm fjö del cioll, ghe piasarìss cantà
e stèm tra j òss bèj schisc denter 'na palta,
' na ragna de penser che fann smattà
nel büs ner de la tèra, ai rosp del vent,
a l'aria de la mort che fa insugnà...
Sé g’ û de div, amîs? L'è un sentiment
che mì me volta el cu, ghe perdi i nott...
...ma già, se sa, i penser în cume al vent,
vün tira l'olter e te fann bilòtt:
anca el penser de Diu l'è un tiravent."

Ci passa in cuore la vita e noi la vediamo / soltanto nei pensieri e con la chiacchiera, / che dietro il culo l'abbiamo, e poi la pisciamo / come l'ombra che dietro noi sembra scappare. / Siamo figli del bischero, ci piacerebbe cantare / e stiamo tra le ossa ben schiacciati dentro una palta, / una ragnatela di pensieri che fanno ammattire / nel buco nero della terra, ai rospi del vento, / all'aria della morte che fa sognare... / Cosa devo dirvi, amici? E' un sentimento / che a me rivolta la testa, ci perdo le notti... / ...ma già, si sa, i pensieri sono come il vento,
uno tira l'altro e ti fanno scemo: / anche il pensiero di Dio attira il vento.

Ljubimov Iurij

Regista teatrale

Caro Tonino,
solo vedendoti nella tua casa, - capendo, come tu hai costruito il tuo nido, dove guardano le finestre del tuo studio, come entra nella casa la roccia, tutto lo spazio dove fioriscono i mandorli, l’unico al mondo, il Santuario dei Pensieri e l'Orto dei Frutti Dimenticati, - ancora una volta mi sono meravigliato della tua incredibile capacità di amare la natura. La gente e le cose.
Tu sei l'uomo fortunato che ha ricevuto il grande dono dalla natura e dai tuoi antenati del Rinascimento.
Anche se attraverso le traduzioni io non posso fino in fondo apprezzare e penetrare nel tuo mondo poetico, però vedendo le tue sculture, le chiese ristrutturate, i tuoi quadri, ogni cosa fatta da te e le cose che stai facendo oggi, tutto questo mi ha permesso di approfondire e capire la tua natura e la tua irripetibile poesia.
Posso augurarti l'unica cosa - la salute.
Il tuo Ljubimov

Luttazzi Daniele

Comico

Compiere 85 anni è un bel vantaggio: invece di accendere le candeline si può fare una bella focarina!
Buon compleanno Tonino.

Macrelli Rina

Scrittrice, sceneggiatrice

Il contatto con Toni è stato per me, poco più che adolescente, la scoperta della poesia come cosa viva, come mistero toccabile. Assistere a volte al suo artigianato - quando ne discuteva con gli amici a lui più vicini - mi incantava come già nella mia infanzia riminese, in viale Dardanelli, per ore, il lavoro di un calzolaio.
Più tardi, via da Santarcangelo, le sue cose, che leggevo ad amici nuovi, han messo una sorta di timbro DOC sulla mia persona (e il nome Tonino Guerra non era ancora famoso).
Non sono i soli benefici venutimi da lui, ma di questi gli sono specialmente grata.

Maestri Giuseppe

Incisore, dicitore

A un poeta e a un uomo che amo molto.

Una volta si diceva:
il pittore fa come vede.
Tonino, invece, traduce le immagini in poesie e
il colore dell'infanzia si ingigantisce.
Lunga vita alle fiabe, ai sogni e a i colori
di un poeta gigante.
Grazie Tonino.

Maggioli Manlio

Editore

Ho vissuto con Tonino dei momenti bellissimi,
tanti momenti bellissimi della mia vita.
Ho il rammarico di non poterli vivere in questo momento
perché ci siamo fisicamente allontanati: Lui sta a Pennabilli!
Mi auguro, e sono convinto che accadrà,
di poterne vivere altrettanti.

Martinelli Marco

Autore teatrale, regista Teatro delle Albe

"Le lingue morte non muoiono mai, e Tonino Guerra ce l'ha insegnato. E se son morte, sono allegre e furibonde,
come quei defunti che la notte
vengono a mascherarti, a tirarti i piedi, a scomodarti i sogni".

Martini Giacomo

Manager dello spettacolo

85 anni di storia, di poesia, di immagini, di storie semplici ma vive per non dimenticare ciò che siamo e sopratutto da dove veniamo e quello che abbiamo perduto.
85 anni di fantasia e di creatività per continuare a sperare, nonostante tutto...

Mazzavillani Muti Cristina

Presidente Ravenna Festival

Tonino Tonino...

il sorriso rasserenante...
il respirar parlando della poesia...
il guardar lontano di chi
sa andare oltre...
Tonino caro quanto bene mi fanno le tue parole...sempre

Mazzuca Giancarlo

Giornalista

Tonino ama "il bello della vita" come se fosse un giovanotto: è l'uomo delle farfalle che ha inondato di colori primaverili tutti i suoi scritti, facendoci trovare quel pizzico d'ottimismo in più, assolutamente necessario per affrontare la vita d'oggi.

Medri Massimo

Già sindaco di Cervia, vicepresidente Parco Delta del Po Emilia Romagna

Dopo aver fatto 16 anni il sindaco a Cervia non posso girare per la mia città senza raffigurarmi gli episodi che mettono insieme i volti delle persone, i particolari dei luoghi o l'atmosfera degli eventi. Quando costeggio l'argine del Portocanale nel lato di Milano Marittima e mi soffermo ad ammirare per l'ennesima volta il giardino del Tappeto sospeso di sale, rivedo il volto pensieroso di Tonino, sprofondato in una poltrona dell'Hotel Aurelia, che sta tirando l'idea per soddisfare le mie richieste: in quell’angolo dimenticato, ridotto a pantano perenne, volevo ricordare una parte della nostra memoria legata alla tradizione del sale. Quindi gli chiesi di tradurre in un poetico progetto la mia suggestione. Volle conoscere meglio Cervia, la girò in lungo e in largo, riconobbe che poi non era così brutta.
Alla fine partorì uno dei suoi prodotti migliori: il Tappeto sospeso.
Iniziò così una collaborazione molto fruttuosa per il Comune di Cervia: sono rimasto affascinato dal suo genio e dalla sua personalità.
Nelle frettolose ma nello stesso tempo lunghe chiacchierate, ti sentivi trasportato nel suo vortice senza la possibilità di reagire; Tonino è come il cielo: capace di farti vedere le stelle, la luna, il sole quando è dolce e sereno; tonante e lampeggiante quando appare cupo e minaccioso ma comunque sempre infinito nel suo orizzonte.
E' stato emozionante quando è venuto a inaugurare la Casa delle Farfalle e ha recitato la sua poesia La farfalla. Eravamo preparati a quell’ascolto ma la sua voce dolce e tremolante ci ha trasmesso delle sensazioni uniche e irripetibili facendoci apprezzare maggiormente l'incanto di quel momento.
E cosa dire della mostra allestita ai Magazzini del Sale che ha richiesto tanta fatica ma con un risultato straordinario; soltanto la pazienza e disponibilità dei miei collaboratori più diretti hanno retto alle frenetiche sollecitazioni del Maestro e di sua moglie Lora. Il gioco è valso la candela: quando si entrava nel Magazzino ti sembrava di entrare in un altro mondo, quello che Tonino suggerisce di vedere o immaginare quando entri per mangiare in un ristorante o vai a dormire in una camera di albergo: quadri delicati, sculture suadenti, oggetti artistici, ceramiche d'autore, soffici arazzi.
Il giorno dell’inaugurazione del giardino del Tappeto sospeso io stavo tornando da un viaggio di lavoro a Stoccarda. Ero affaticato, ma quando vidi le migliaia di persone accalcate sotto il palco e il viso sorridente, da bambino felice, di Tonino, riacquistai come per incanto tutte le mie forze e mi tuffai felice in quel mare di folla.
Fu una delle giornate più entusiasmanti della mia esperienza perché vidi la gente contenta e riconoscente.
Potete immaginare la mia soddisfazione nel vedere quell’angolo frequentato dai cervesi e dai turisti in tutte le ore del giorno e spesso anche di notte, rifugio romantico di qualche coppia in cerca di emozioni oppure di sposi che scelgono questo luogo per immortalare l’attimo della loro unione. Già oggi, ma in particolare quando le opere previste nella piccola darsena e nel Magazzino saranno completate, diventerà uno dei posti più affascinanti dell’intero litorale.

Meldini Piero

Scrittore

Come la luna, anche il cervello ha una faccia nascosta. E' quella che usano i bambini, i matti e i poeti. Io ho cominciato a sospettarne l'esistenza leggendo le poesie di Tonino, fantasticando sui suoi pastelli e ascoltandolo parlare.

Mengaldo Pier Vincenzo

Critico, docente Università degli Studi di Padova

Caro Tonino,
Come ricorderai si racconta che il grande Picasso abbia proclamato una volta: "Io non cerco, trovo".
Ma a questo detto fulmineo e superbo io, da umile filologo, preferisco quel tuo alacre e tutto umano endecasillabo: "Che tott e' bèll, savéiv, l'è te zarchè": in un verso, tutta una vita da attraversare con curiosità e amore; come si dice, tutto un programma, che hai saputo realizzare come pochi.

Montanari Stefania

Organizzatrice eventi

Come si contempla un giardino zen, ove si avverte pace e serenità e si esalta la semplicità e l'austerità, così frequentandola è nata la "Guerraterapia" che induce a osservare un tramonto, a emozionarsi per un sorriso o per un odore, a fare qualcosa per gli altri, a generare vitalità e percorrere il cammino della vita, pieno di costanti e imprevisti cambiamenti.
Grazie Tonino per la sua amicizia.
Auguri

Morganti Fausta

Capitano reggente Repubblica di San Marino

Neppure la collaborazione di Tonino con gli enti pubblici poteva essere banale. Lo stimolo a trasformare una piccola idea in un grande progetto era forte, costante.
Qualche volta ci prendeva l’ansia di non essere in grado. E invece no.
Per questo voglio ricordare Rondi e la Biennale di Venezia e Rambaldi per Evviva il cinema.
Eventi straordinari che, appunto perché non diventassero facile consumo, Tonino ha sostenuto con le sue lezioni di sceneggiatura rivolte alle centinaia di giovani che affollavano il teatro.
Ma il paziente lavoro quotidiano richiesto da ogni manifestazione che non abbia soltanto un significato di facciata, è troppo nascosto e lungo per gli esiti attesi.
Non siamo stati all’altezza di continuare: San Marino spesso le opportunità le scaccia, si rinchiude in se stessa, preferisce la casualità.
Tonino, la Lora e Pennabilli però sono sempre vicini, e quando è possibile andiamo a trovarli.
Attraversiamo il giardino, salutiamo il cane, i 44 gatti di tutti colori, guardiamo in su, al roseto: innumerevoli tipi di rose, quasi un pendant con "l'Orto dei frutti dimenticati" che è diventata l'attrazione più felice dell'Appennino che ci unisce al Tevere.
L'accoglienza è sempre calorosa, calda e avvolgente è la loro casa piena zeppa di oggetti, tappeti, arazzi dalla immensa Russia e dalla piccola Romagna degli artigiani creativi.
Così girando fra i tramonti della Val Marecchia ti capita sì di andare a vedere le porte di Arnaldo Pomodoro alla chiesetta di Saiano, o "l'albero dell'acqua" di Tonino a Torriana, ma anche qualche pala d’altare di qualche artista locale non ancora conosciuto, del quale Tonino Guerra ha intuito l'ingegno e ha sentito la poesia, proprio come per il nostro benessere, che ben presto avrebbe potuto mutarsi in ricchezza.

Morricone Ennio

Musicista, autore

Non avevo mai conosciuto un angelo geniale, un angelo poeta e mi è capitato nella mia vita di conoscerlo:
è Tonino, Tonino Guerra.

Muky

Artista

L'uomo unico cammina fra raggi di sole e fiocchi di neve. Cervello d'aquila. Occhi di falco. Labbra pronte alla parola. Mani agilissime nel tracciare inventive.
Figura rivestita in panni sportivi. Sul capo berretto con visiera. Il corpo racchiude un cuore fantastico; abbraccio l'universalità delle Arti e noi amici di tutte le età.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  Biografia
  Galleria immagini
  Opere:
  Letteratura
  Arte
  Costume
  Bibliografia
  Filmografia
  Luoghi Guerriani:
  Santarcangelo di Romagna
  Pennabilli
  Roma
  Russia
  Luoghi della poesia
  Spot tv
  Premi e riconoscimenti
  Dicono di lui:
  85 pensieri
  Pubblicazioni
  Documentari
Sito realizzato con la collaborazione di  
 
Associazione | Tonino Guerra | Attività | Musei | Eventi | Area stampa
© 2007 - Associazione Culturale Tonino Guerra - P.I. 02245310418